Carlo Conti e il ricordo del Covid: “Esperienza che mi ha cambiato”

Carlo Conti e il ricordo del Covid: "Esperienza che mi ha cambiato"

Continuano le testimonianze dei vip che hanno vissuto la brutta esperienza del contagio da Covid e che adesso raccontano le sofferenze patite per una malattia che li ha provati fisicamente e psicologicamente.

E’ il turno di Carlo Conti, che spiega la sua esperienza: “È una disavventura che ti cambia profondamente. Ricordo la paura di poter contagiare mia moglie e mio figlio Matteo. Lo stupore di essere positivo, perché ho sempre tenuto alta la guardia. I primi giorni non ho accusato grandi sintomi, ma devo ammettere che è stato il saturimetro a salvarmi e consiglio a tutti di averne uno in casa”.Carlo Conti e il ricordo del Covid: "Esperienza che mi ha cambiato"

Carlo Conti ha ormai superato da tempo la malattia, ma evidentemente in lui la sensazione del contagio ancora molto viva: “Il virus stava per attaccare i miei polmoni, ma i medici hanno scongiurato il peggio”. Il decorso della malattia è stato altalenante: “All’inizio stavo benino, al punto da condurre una puntata di Tale e quale da casa”. Poi la situazione è precipitata e il conduttore ha capito che non c’era più da scherzare: “Nel fine settimana però sono peggiorato tanto da dover essere ricoverato all’ospedale Careggi di Firenze”.

Una situazione che però è stata tenuta sotto controllo: “Per fortuna è bastato un po’ di ossigeno e terapie mediche”. Un’esperienza che ha però lasciato qualcosa di positivo: “Con Nello, il mio compagno di stanza, ci scambiavamo uno sguardo di conforto per farci coraggio. È nato un legame. Abbiamo continuato a sentirci. La malattia, i letti paralleli creano legami. Ma il merito è stato di medici e infermieri che, pur lavorando in condizioni disperate, si sono fatti in quattro per tutti noi”.