Erbe e rimedi naturali nella lotta alla pancia gonfia

Pancia gonfia: la dieta definitiva sperimentata scientificamente

Almeno una persona su dieci almeno una volta nel corso della sua vita si ritroverà a sentire la sua pancia dura e tesa come se fosse stata gonfiata dall’interno. In certi casi è proprio questo quello che accade: soprattutto a causa di errati comportamenti alimentari (tipo aerofagia, masticazione inadeguata e ingestione eccessiva di cibo o bevande), stomaco e intestino non riescono a liberarsi in tempi utili dei liquidi, dei gas e dei solidi in eccesso. Ovviamente però quando parliamo di pancia gonfia o gonfiore addominale ci riferiamo esclusivamente a una condizione di disagio prolungata nel tempo e non alle normali fluttuazioni dovute all’attività dell’apparato digerente.

 

Prevenzione fai-da-te

 

Lasciamo per un attimo perdere la natura e i suoi mille rimedi utili. Nella lotta alla pancia gonfia ci sono alcuni comportamenti utili da mettere in pratica nella vita quotidiana che consentono in molti casi di prevenire il gonfiore addominale. Non sono atteggiamenti strani o particolarmente difficili da attuare, ma al contrario sono poche semplici regole che consentono di mantenere in salute il tratto gastrointestinale.

 

Limitare cibi ricchi di FODMAP

 

L’acronimo FODMAP sta per Fermentabili Oligo-, Di-, Monosaccaridi e (And, secondo la traduzione inglese) Polioli e con questo termine un po’ scioglilingua si intendono tutti quei carboidrati che l’intestino non riesce ad assimilare bene. Qualche esempio? Latte vaccino e formaggi molli, gelati, yogurt, grano, orzo farro e vari tipi di farine. Ma ancora cipolle, aglio, asparagi, carciofi, cavolfiori etc.

 

Mangiare seguendo il senso di fame e il senso di sazietà

 

Mangiare in maniera eccessiva significa sforzare sia lo stomaco che, di conseguenza, l’intestino. Per limitare il disturbo della pancia gonfia bisognerebbe consumare i pasti secondo le “indicazioni” dello stomaco, ovvero solo quando si ha fame e fino a che non ci si sente sazi.

 

Non limitare i movimenti intestinali

 

I più affezionati al bon ton potrebbero inorridire, ma per la salute di stomaco e intestino bisognerebbe sempre assecondare i suoi impulsi senza bloccarli. Quindi via libera ad esempio a eruzioni e peti (magari dentro una toilette per non infastidire chi ci sta intorno), anche perché una delle funzioni di glottide e ano è proprio quella di fare da “valvole di sicurezza” per ridurre la pressione dei gas nell’intestino.

 

Erbe e rimedi naturali

 

Nel momento in cui capiamo che il nostro intestino non è in grado di smaltire da solo la quantità di gas, liquidi e solidi superiore alla norma, allora la natura può venirci in aiuto. Ci sono delle piante, infatti, che sono in grado di stimolare l’attività intestinale sia direttamente sia agendo su fegato e reni. I farmaci e le soluzioni fitoterapiche, infatti, sono 

fra i rimedi immediati contro la pancia gonfia perché sfruttano tutti i salutari principi che la natura mette a nostra disposizione.

 

Carbone vegetale

 

Tra i principali rimedi naturali contro la pancia gonfia c’è il carbone vegetale, da assumere però sotto controllo del medico: nel momento in cui transita nell’intestino porta con sé non solo gas e acqua in eccesso (aiutando quindi in caso di dissenteria), ma anche sostanze tossiche e i principi attivi di alcuni farmaci.

 

Succo di Aloe Vera

 

L’Aloe Vera è una pianta ricchissima di principi salutari per la pelle, i capelli e per il tratto intestinale. Bere un paio di cucchiaini al giorno aiuta a ripulire dall’interno l’intestino senza risultare troppo aggressivo.

 

Erbe, piante e radici

 

Nel trattamento della pancia gonfia ci vengono in aiuto molte erbe, piante e radici. Tra i più importanti possiamo annoverare lo zenzero, l’anice, il finocchio, la classica camomilla, ma ancora la menta, la melissa e il cumino.

 

Se nonostante un’alimentazione corretta, attività fisica (che con la giusta intensità stimola l’attività intestinale) e il supporto di Madre Natura in situazioni d’emergenza non doveste notare miglioramenti nel gonfiore addominale, allora è bene recarsi dal medico per un consulto. Perché se è vero che la pancia gonfia è un sintomo nella maggior parte dei casi benigno, la distensione addominale (quando ad un esame clinico il dottore o il gastroenterologo si accorgono che c’è una presenza sensibile di gas o liquidi nell’addome) può essere un sintomo da non sottovalutare di patologie anche gravi.

Share