Mamma cade con la figlia in un pozzo, per i soccorritori c’è una brutta sorpresa

Questo è il momento in cui un pompiere viene calato a testa in giù in uno stretto fosso per salvare una bambina intrappolato e sua madre prima che il genitore sveli che un secondo bambino è bloccato in un altro pozzo nelle vicinanze.

Le autorità sono state inviate nel villaggio di Mafu, che si trova nella contea di Yingshan, nella provincia di Anhui, nella Cina orientale, nel pomeriggio del 14 luglio, dopo che i locali hanno trovato la bambina di due anni nella parte inferiore del primo pozzo.

Il video di salvataggio mostra un pompiere abbassato capovolto nell’apertura del pozzo di 10 piedi, che misura appena 15 pollici di larghezza.

I membri del servizio antincendio hanno detto che la bambina stava schiumando dalla bocca e aveva gli occhi rivoltati a causa della privazione di ossigeno sofferta sul fondo del pozzo, che viene utilizzato per l’irrigazione.

Fu solo dopo che avevano raggiunto la bambina che realizzarono che anche i suoi genitori erano intrappolati sotto.

La madre, ugualmente in debito di ossigeno, è stata portata via dal pozzo poco dopo, ma il filmato mostra i suoi soccorritori sorpresi quando la mamma chiede loro: “Dov’è l’altro bambino?”

Un vigile del fuoco credette erroneamente che stia chiedendo di sua figlia, e le rispose: “Sta bene.”

Ma la mamma in difficoltà aggiunse: “Ce n’è un’altra laggiù”, indicando un altro pozzo più avanti.

Mentre i soccorritori cercavano di determinare quanti figli erano con lei al momento dell’incidente, la mamma stanca disse: “Non ricordo”.

Il servizio antincendio ha detto che il bambino di quattro anni è stato fortunatamente scoperto pochi istanti dopo. È stato salvato da un secondo vigile del fuoco che è stato anche inviato a testa in giù nel pozzo.

Le autorità hanno appreso che il ragazzo apparteneva a un vicino di casa e si crede che abbia giocato con la bimba e sua madre quando si è verificato l’incidente.

I tre sono stati portati in ospedale e non erano in pericolo di vita, dicono i vigili del fuoco.

I soccorritori devono ancora determinare come è avvenuto l’incidente.

Share