Altre Notizie

Attirano ragazza disabile al parco giochi in tre: le intenzioni sono agghiaccianti

Uno dei tre quattordicenni sospettati con due dodicenni di aver stuprato in gruppo una donna disabile di 18 anni è stato rinchiuso per sicurezza pubblica dopo che è emerso che era legato a una serie di attacchi sessuali precedenti.

L’adolescente bulgaro identificato solo come Georgi S. è stato inizialmente rilasciato dopo aver passato una notte in custodia di polizia e consegnato ai suoi genitori ma ora l’ufficio del pubblico ministero a Duisburg, in Germania, ha annullato la decisione, secondo quanto riferito perché il sospetto era già noto alla polizia per altri reati sessuali.

Ha emesso un “mandato di cattura per il rischio di recidiva” e una macchina della polizia è stata inviata a raccogliere Georgi S. dalla sua casa e lui è stato rinchiuso in custodia investigativa.

Uno dei motivi per cui l’ufficio del pubblico ministero ha emesso il mandato d’arresto era il fatto che in precedenza era stato informato dalla polizia in relazione ad altri due attacchi sessuali.

Georgi S. è stato collegato a due altri casi di molestie sessuali, anche se non ha mai affrontato alcuna conseguenza legale come previsto dalla legge tedesca, dal momento che i minori di 14 anni non possono essere perseguiti.

Georgi S. è sospettato di aver partecipato allo scioccante stupro di gruppo di una donna di 18 anni venerdì sera a Muelheim, una città nello stato tedesco occidentale del Nord Reno-Westfalia.

L’assalto sessuale sconvolgente ha scatenato l’indignazione globale e ha indotto molti a mettere in discussione le leggi tedesche sul non perseguitare i sospetti di età inferiore ai 14 anni.

La banda, composta da tutti nativi bulgari con tre di loro di 14 e due 12, presumibilmente ha attirato una donna di 18 anni mentalmente disabile in un parco giochi in un parco cittadino.

Quindi hanno attaccato l’adolescente e l’hanno trascinata in alcuni cespugli.

Un portavoce della polizia ha detto: “Vi è stata violenza, violenza di massa”.

La vittima è stata violentata mentre la banda ha filmato il calvario su un telefono cellulare, secondo quanto riportato.

I media locali hanno affermato che la donna è stata “maltrattata in vari modi” anche se la polizia non ha condiviso i dettagli.

I residenti locali sono stati avvisati dell’incidente che si svolgeva dietro la loro casa con i loro cani che non smettevano di abbaiare.

Dopo un’ora, un uomo di 61 anni è uscito di casa verso i cespugli e, a quanto riferito, ha visto la donna e due sospetti che sono fuggiti immediatamente dalla scena.

Georgi S. vive con la sua famiglia nell’appartamento di una famiglia plurifamiliare in una zona in rovina di Muelheim che un tempo era piena di attività, ma cadde in rovina quando le industrie e le miniere della Ruhr Area chiusero.

Secondo i media locali, oggi l’area è abitata prevalentemente da migranti bulgari ed è piena di “bookmaker, sale da gioco e gruppi di uomini in tuta da ginnastica agli angoli delle strade”.

La vicina Erika L., 79 anni, ha affermato che “soprattutto il padre” della famiglia è molto aggressivo e che ha visto solo Georgi S. “aggirarsi per strada davanti al centro commerciale”.

Si dice che la famiglia del sospetto Simeon S., 14 anni, cugino di Georgi S., viva vicino.

Secondo i media locali, tutta la sua famiglia si occupa delle prestazioni sociali e l’affitto è pagato dall’ufficio del welfare della città di Muelheim.

Entrambe le famiglie di Simeon S. e Georgi S., così come quelle degli altri tre adolescenti sospettati, provengono tutte dalla città bulgara del sud di Pazardzhik, nella provincia di Pazardzhik.

Le indagini sono in corso.