Dentista killer: ha ucciso mille giaguari in via di estinzione

I poliziotti hanno arrestato una banda di bracconieri illegali dopo che un dentista del gruppo avrebbe ucciso più di 1.000 giaguari protetti.

Le autorità brasiliane hanno arrestato sette uomini nello stato nord occidentale di Acri con l’accusa di aver ucciso migliaia di animali in via di estinzione tra cui giaguari (Panthera onca), capibara (Hydrochoerus hydrochaeris), pecari dal collare (Pecari tajacu) e cervo broccolo rosso (Mazama americana).

I rapporti indicano che il membro più longevo della banda e il più prolifico in tema di uccisioni era Temistocles Barbosa Freire, un dentista che si ritiene abbia ucciso illegalmente oltre 1.000 giaguari dal 1987.

Le immagini mostrano che Freire porta un giaguaro morto sulla schiena mentre i cani da caccia lo circondano. I rapporti affermano che le autorità brasiliane avevano intercettato le conversazioni della banda e monitorato i loro movimenti per almeno tre mesi prima di effettuare gli arresti.

Tutti e sette gli uomini sono stati arrestati e il Tribunale federale ha aperto contro gli uomini un fascicolo penale per caccia illegale e uso di armi da fuoco senza un permesso.

Gli altri sei uomini sono il dottor Doria de Lucena Junior, un esperto giudiziario, Sinezio Adriano de Oliveira, il contadino Gilvan Souza Nunes, l’ufficiale carcerario Gisleno José Oliveira de Araujo Sa, l’elettricista Manoel Alves de Oliveira e Sebastiao Junior de Oliveira Costa, Reginaldo Ribeiro da Silva e Gersildo dos Santos Araujo, le cui professioni non sono state riportate.

I rapporti affermano che nei tre mesi in cui la polizia ha monitorato la banda ha ucciso “otto giaguari, 13 capibara, 10 pecari dal collare e due cervi”.

Si dice che la banda abbia usato il suono della cuica, un tamburo di attrito brasiliano acuto, per attirare i giaguari.

I rapporti affermano che la banda potrebbe essere punita con pene detentive e multe se giudicate colpevoli, a seconda della loro esatta partecipazione ai crimini.

Il giaguaro è il felino più grande dell’America Latina ed è elencato nell’appendice I di CITES, il che significa che tutto il commercio internazionale di giaguari o delle loro parti del corpo è proibito.

L’inchiesta in Brasile è in corso.

Share