Lancia bambina di 3 anni in aria per farla giocare, ma non si accorge di un terribile pericolo

Un uomo di 25 anni è stato arrestato per la tragica morte di sua cugina di due anni. L’uomo l’ha lanciata in aria per farla sorridere ma la bambina ha colpito le pale del ventilatore da soffitto.

La polizia dice che l’uomo, il cui nome non è stato rilasciato, stava cercando di far smettere di piangere la bambina nella sua casa nella città di Ampang, nello stato del Selangor, sulla penisola malese.

Ma lo hanno arrestato dopo che il padre del bambino era tornato a casa dal lavoro e aveva presentato una denuncia formale ai poliziotti.

La bimba, il cui nome è stato secretato, è stata portata all’ospedale di Ampang per curare le sue ferite ma è morta per gravi lesioni alla testa il giorno seguente.

Il capo della polizia distrettuale, il commissario Noor Azmi Yusoff, ha detto che il cugino avrebbe dovuto giocare con la bimba per cercare di farla smettere di piangere.

La madre e lo zio del giovane l’hanno portata in ospedale. Suo padre, che viene dal Myanmar, stava lavorando fuori al momento dell’incidente terribile.

Il vice commissario Yusoff ha detto che è stata eseguita una autopsia sulla bambina che ha confermato che era morta a causa di un trauma alla testa.

La polizia ha arrestato il cugino dopo che il padre della bambina è tornato a casa e ha presentato una denuncia alla polizia.

Il commissario Yusoff ha confermato che l’inchiesta è in corso e che il cugino era stato rinviato in custodia alla polizia.

Ampang è una storica città mineraria di stagno che si trova vicino alla capitale malese di Kuala Lumpur.