Melanie Gaydos, la grande lezione della modella più brutta del mondo

Melanie Gaydos è nata con una condizione chiamata displasia ectodermica che rende le sue ossa, le unghie e i denti soggette a una crescita anomala. Inoltre, ha l’alopecia che causa completa calvizie ed è parzialmente cieca. Siamo sicuri che non si offenderebbe se la definissimo la modella più brutta del mondo. E’ un dato oggettivo e siamo sicuri sia lei stessa consapevole di esserlo.

Nonostante questi inconvenienti apparentemente insormontabili, Melanie ha in qualche modo creato una carriera di successo per se stessa come modella di moda con sede a New York City e conta Miley Cyrus come fan.

Insomma è riuscita a trasformare quelli che potrebbero essere difetti tali da avere una grave depressione o da non uscire più di casa in un punto di forza che le consente di lavorare, girare il mondo, incontrare persone e, diciamolo, fare una bella vita guadagnando molti soldi.

Una piccola grande lezione per chi ritiene i suoi piccoli difetti una tragedia, se ne fa una malattia e non riesce a convivere con il proprio aspetto che, nella maggior parte dei casi, rispetto a quelli di questa famosa modella sono praticamente nulla. Un naso un po’ più pronunciato, un seno un po’ cadente, un po’ di calvizie, gambe storte. Cosa sono in confronto ai suoi problemi?

Tutti hanno pregi, tutti hanno difetti. Le persone più felici sono proprio quelle che imparano ad amare i propri difetti, rendendoli punti di forza e maturando la convinzione che sono proprio questi a caratterizzarci e a renderci unici. Solo piacendo a noi stessi possiamo piacere agli altri. Sarà banale ma è una grande verità.