Paracetamolo in gravidanza pericoloso per i feti maschi

Paracetamolo in gravidanza pericoloso per i feti maschi

Occhio al paracetamolo se siete in dolce attesa, gli esperti consigliano di evitarne l’assunzione in gravidanza. Uno degli antidolorofici più noti e usati per il trattamento del dolore acuto o cronico, potrebbe portare al rischio di infertilità e patologie tumorali per il bambino. Lo sostiene una ricerca dell’Università di Edimburgo. Lo studio è stato pubblicato da Science Translational Medicine e mette in luce il rischio infertilità per i maschi nati da donne che hanno fatto un eccessivo uso di paracetamolo in gravidanza. Gli esperti consigliano di assumere il paracetamolo in dose minima e per il più breve tempo possibile. Il testosterone infatti è l’ormone chiave per lo sviluppo degli organi riproduttivi maschili.

L’esposizione bassa al testosterone nel grembo potrebbe essere collegata all’infertilità, al cancro ai testicoli o ai testicoli ritenuti. Rod Mitchell, capo ricercatore all’università di Edimburgo, spiega: “questo studio si aggiunge alle prove già esistenti, che l’uso prolungato di paracetamolo in gravidanza può aumentare il rischio di disordini riproduttivi nei neonati maschi ed è per questo che noi consigliamo che le donne incinte dovrebbero seguire le linee guida attuali, che dicono che l’antidolorifico deve essere preso alla più bassa dose efficace per il più breve tempo possibile”. Durante lo studio “i topi non erano incinta, ma in uno ‘stato di gravidanza’ indotta da un ormone e dal tessuto testicolare fetale umano che è stato innestato su di loro”.

Paracetamolo in gravidanza pericoloso per i feti maschi

Prendere il paracetamolo in gravidanza per una settimana o più potrebbe potenzialmente avere effetti su un feto di sesso maschile in via di sviluppo, secondo la ricerca.

Il paracetamolo è l’antidolorifico considerato più sicuro per le donne incinte. Tuttavia, i ricercatori che studiano i difetti riproduttivi nei neonati, come quelli sui testicoli, dicono che ci può essere un legame tra bassi livelli di testosterone e l’assunzione di paracetamolo.

Non vi è alcun motivo di pensare che l’assunzione di antidolorifici per un giorno potrebbe causare qualche problema, dicono – ma uno studio che ha coinvolto un modello di topo, innestato con i tessuti umani e modificato con ormoni in grado di imitare lo stato di gravidanza, ha evidenziato che il farmaco abbassa i livelli di testosterone nel corso di una settimana.

Paracetamolo in gravidanza pericoloso per i feti maschi

Paracetamolo

Non vi è alcun motivo di pensare che l’assunzione di antidolorifici per un giorno potrebbe causare qualche problema, dicono i ricercatori.
Il Prof Richard Sharpe, del Centro MRC per la salute riproduttiva presso l’Università di Edimburgo, ha detto che l’incidenza di disturbi che comportano danni alla fertilità maschile era molto elevata. Tra i giovani uomini in tutto il Regno Unito e in Nord Europa, “qualcosa di simile a uno su sei avrà avuto uno di questi disturbi”, conosciuti collettivamente come sindrome da disgenesia testicolare. I ricercatori stanno indagando sulle possibili cause, tra cui la possibilità che qualcosa nella dieta o stile di vita dei genitori potrebbe essere responsabile.

Gli scienziati di Edimburgo hanno costruito uno studio in un modello di gravidanza per valutare se l’uso di paracetamolo potrebbe essere implicato. Hanno innestato un tessuto testicolare umano sui topi, una tecnica che è stata precedentemente utilizzata per studiare l’effetto di sostanze chimiche ambientali sulla produzione di testosterone. I topi hanno ricevuto una dose giornaliera tipica di paracetamolo sia per un giorno o ogni giorno per una settimana. Lo studio, nella rivista Science Translational Medicine, non ha mostrato alcun effetto sulla produzione di testosterone dopo 24 ore, ma dopo sette giorni la quantità di testosterone prodotta dal tessuto umano innestato al topi è diminuito del 45%.

Paracetamolo in gravidanza pericoloso per i feti maschi

“Il paracetamolo è disponibile gratuitamente al banco e spesso viene preso senza considerare necessariamente gli effetti collaterali”, ha detto il dottor Rod Mitchell, Wellcome Trust intermedio ricercatore clinica presso l’università. “Lo studio sosterrebbe le attuali raccomandazioni che il paracetamolo dovrebbe essere preso per il più breve tempo possibile e alla dose più bassa possibile”. Le donne che avevano bisogno di sollievo dal dolore per più di un giorno devono essere avvisati di consultare il proprio medico, perché il dolore o la febbre durante la gravidanza sono necessari da affrontare.

Le donne incinte che hanno assunto paracetamolo per alleviare il disagio non dovrebbero fari prendere dal panico come risultato di questa ricerca

Prof Maureen Baker, Royal College dei medici

Circa il 65% delle donne in gravidanza hanno preso il paracetamolo a un certo punto della gravidanza, gli studi suggeriscono, e ci sono prove che le persone ritengono che sia innocuo. “Il paracetamolo è un analgesico efficace per l’abbassamento della temperatura. Dobbiamo riconoscere che in situazioni in cui spesso il paracetamolo è preso senza pensarci due volte, ci potrebbero essere effetti collaterali”, ha detto Mitchell.

Altri scienziati hanno avvertito che i risultati di studi su animali non sono stati sempre replicati negli esseri umani, cosa che la squadra di Edimburgo ha anche riconosciuto. Tuttavia, il dottor Christoph Lees, capo della medicina fetale presso l’Imperial College di fiducia NHS, ha descritto lo studio come “importante e condotto con attenzione”.

Lo studio di per sé non dovrebbe portare ad alcun cambiamento nella prescrizione pratica, ha detto, perché il paracetamolo ha continuato ad essere sicuro nel breve termine. “Tuttavia, sarà per le autorità di regolamentazione necessario prendere in considerazione gli elementi di prova da questo studio e altri in relazione alla durata dell’uso paracetamolo soprattutto dopo il primo trimestre di gravidanza. Si pone però una domanda interessante, in quanto i possibili effetti collaterali sono per quanto ne sappiamo limitati allo sviluppo testicolare, sul fatto che i consigli sulla prescrizione dovrebbe distinguere tra le madri che portano maschi e femmine”, ha detto.

Prof Maureen Baker, presidente del Royal College dei medici, ha detto che lo studio ha sollevato domande circa la sicurezza del farmaco. “Le donne in gravidanza che hanno assunto paracetamolo per alleviare il disagio – o come prescritto dal proprio medico o auto-medicati – non dovrebbero farsi prendere dal panico per il risultato di questa ricerca. Ma se sono preoccupate perchè devono prendere il farmaco regolarmente per un lungo periodo di tempo, dovrebbero prendere un appuntamento urgente con il loro medico di famiglia, o visitare il farmacista”.

Share