Dinitrofenolo mortale: allarme pillole dimagranti vendute sul web

Dinitrofenolo mortale: allarme pillole dimagranti vendute sul webLa smania di perdere peso a volte può essere davvero pericolosa soprattutto se ci si vuole affidare a metodi veloci e di dubbia provenienza. I farmaci dimagranti acquistabili su internet da qualche anno a questa parte, hanno poi moltiplicato i rischi che persone poco prudenti corrono nell’affidarsi a pozioni magiche dalla formulazione pericolosa. E’ il caso dei prodotti a base di dinitrofenolo, sostanza chimica illegale utilizzata in alcune pillole e creme dimagranti, acquistabili su Internet.

L‘interpol, ha ritenuto necessario addirittura emettere un orange notice, cui si ricorre in caso di minaccia seria per la sicurezza pubblica. L’allarme è scattato definitivamente dopo il caso di una ventenne morta in Gran Bretagna. La ragazza avrebbe fatto ricorso a pillole a base di questa pericolosa sostanza. Ma non è l’unico caso, anche se questo è il più grave. Si parla anche di un episodio in Francia di grave malattia successiva all’ingestione.

La polizia internazionale ha fatto scattare l’allerta in 190 paesi. Il dinitrofenolo è una sostanza chimica usata spesso in passato come anoressante. Ma poi è stata dichiarata illegale per la sua natura potenzialmente mortale. Si ritiene possa essere tossica anche in quantità minime. Addirittura pericolosa per inalazione oltre che per ingestione. Ma gli esperti assicurano che può provocare seri danni anche in caso di semplice contatto con la pelle.

L’Interpol è in stretto contatto con la World Anti-Doping Agency (WADA) e in seguito a studi specifici ha reso noti i risultati di un’analisi su un campioni della sostanza sequestrati in Australia. Di qui l’allarme mondiale. Si parla di gravi rischi per la salute. A rendere la situazione più grave il fatto che viene usata in laboratori illegali che non rispettano le norme igieniche e che non hanno conoscenze approfondite della quantità corretta di dosaggio delle sostanze. Per chi assume le pillole il rischio è altissimo.

Insomma se avete pillole con questa sostanza in casa gettatele subito, ma solo dopo aver preso riferimenti utili per denunciare chi ve le ha vendute, in modo che si possano fare indagini accurate. Questa sostanza viene usata sia nelle compresse da assumere per via orale che nelle creme che si applicano sul corpo. Anche in questo caso il pericolo è alto.

Gli effetti pericolosi del Dnp sono noti dal 1931, quando fu pubblicato uno studio dell’università di Stanford. Nelle pillole dimagranti viene usato da tantissimo tempo, e già nel 1938 fu ritirato dal commercio a causa dei decessi e delle patologie che provocava. Ma evidentemente si riesce ancora a spacciarlo per efficace.

Il problema è che molte persone vogliono dimagrire, e vogliono farlo velocemente. Abbiamo chiesto al dottor Massimo Gentili, nutrizionista, che consigli darebbe a chi vuole perdere peso in poco tempo? “Il digiuno. Vuoi dimagrire velocemente? Non mangiare. Non sopporto questa gente e chi viene da me e mi conosce per fortuna raramente pronuncia certe parole. Per prima cosa chi dimagrisce dovrebbe migliorare il suo stato di salute generale e non peggiorarlo, quindi la dieta, almeno per come la intendo io deve partire da questo presupposto. Poi una dieta si valuta a 3 – 5 anni. Se dopo 5 anni il peso perso viene mantenuto allora è stata una buona dieta, se invece il peso è pari o superiore all’inizio, allora è stata un’inutile fatica e una perdita di soldi.
Ovviamente non ho risultati eclatanti con tutti, comunque a distanza di anni molti pazienti hanno mantenuto i risultati ottenuti e per me questo significa dimagrire, il resto conta poco.
Per risultati rapidi ci sono diete a basso o nullo contenuto di carboidrati, oppure ancora meglio i digiuni. Mangiare una volta al giorno (o in una fascia oraria di massimo 4 – 6 ore) può far dimagrire senza troppe privazioni. Sono varie le strade, ma per dimagrire realmente e velocemente un po’ di sacrificio deve essere fatto. Quelli che seguono i dimagrimenti miracolosi devono stare attenti, perchè se l’alimentazione non è organizzata in maniera adeguata la perdita di peso potrebbe essere quasi esclusivamente a carico della massa magra e questo è molto pericoloso, perchè oltre a far riprendere velocemente peso, può compromettere il metabolismo”.