Scienza

Diventa mamma a 27 anni dopo asportazione ovaio a 13

Diventa mamma dopo asportazione ovaio a 13 anni
Dà speranza la storia di una ragazzina di 13 cui è stato asportato l’ovaio e poi trapiantato, perchè ora è diventata mamma. Si tratta del primo caso di maternità dopo l’asportazione dell’ovaio a una giovane. Lo straordinario successo medico arriva dal Belgio, e racconta la storia di una donna che aveva subito l’asportazione e il congelamento dell’ovaio nell’adolescenza. Per lei ogni speranza di maternità sembrava preclusa, e invece ha ora dato alla luce un bambino, dopo che l’ovaio stesso le è stato poi trapiantato di nuovo, permettendole di rimanere incinta.

Lo straordinario successo medico è stato possibile su una donna, ora 27enne, che ne aveva solo 13 quando i medici asportarono parte del suo ovaio. L’intervento fu necessario perchè la ragazzina stava per essere sottoposta ad una cura che probabilmente l’ avrebbe resa infertile. Era infatti malata di anemia falciforme, diagnosi arrivata quando aveva solo 5 anni; da piccola era emigrata dalla Repubblica del Congo in Belgio, dove i medici l’avevano sottoposta a trapianto di midollo osseo, utilizzando come donatore il fratello. Ma prima del trapianto, era stato necessario un ciclo di chemioterapia, per impedire al sistema immunitario di rigettare il nuovo midollo. Di qui la decisione di rimuovere l’ovaio destro, perchè la chemio può distruggere la funzione ovarica. Dopo l’asportazione i medici avevano congelato frammenti di tessuto.

A 15 anni l’altro ovaio rimasto è infatti risultato danneggiato. Poi, circa dieci anni più tardi, il reinserimento dei frammenti all’interno dell’addome hanno scatenato una risposta ormonale che ha stimolato la crescita di nuovi ovuli. La ragazza è rimasta incinta solo due anni dopo, però, il tempo di scoprire che il suo precedente fidanzato non era fertile. Un precedente che arriva dall’eccellenza medica del Belgio e che apre la strada a future speranze simili. Secondo i medici è la prima volta che un ovaio asportato da un soggetto così giovane ha poi portare alla nascita di un neonato sano. Gli specialisti, che descrivono la vicenda su Human Reproduction, sperano che questa procedura possa aiutare altre giovani pazienti con questo tipo di patologia. “Tuttavia il successo di questa procedura richiede ulteriori indagini su pazienti in età pre-pubere, dal momento che nostra aveva già iniziato la pubertà, anche se non aveva ancora le mestruazioni”, ha spiegato. Circa 40 bambini sono già nati nel mondo utilizzando tessuto ovarico congelato, preso però da donne più avanti negli anni.
.