Riabilitazione post ictus cerebrale: parla l’esperto

Solidarietà e condivisione hanno un significato ancora più profondo se vengono rivolte a chi soffre. Proprio per questo motivo, Valerio Sarmati, esperto in riabilitazione post ictus cerebrale secondo il metodo Perfetti, ha deciso di rendere disponibile gratuitamente sul proprio sito web (www.riabilitazione-ictus-cerebrale.it) una guida per realizzare con poche semplici mosse attrezzi in supporto della riabilitazione.

In particolare, al link www.riabilitazione-ictus-cerebrale.it/pdf/fai-da-te/piano-inclinabile-presa-metodo-perfetti.pdf è scaricabile il manuale per costruire un piano inclinabile per il recupero del cammino, oggetto fondamentale in grado di stimolare il recupero di tutte le parti dell’arto inferiore, la percezione della pianta del piede, di migliorare il controllo del tronco e dell’equilibrio oltre a stimolare i processi cognitivi fondamentali per organizzare i cammino.

L’approccio riabilitativo di Valerio Sarmati non si esaurisce, infatti, con le sedute presso il centro specializzato, ma prosegue anche a casa attraverso appositi esercizi suggeriti dal terapista e supportati da materiale multimediale.ictus


“Il ruolo fondamentale di questo strumento è quello di permettere, al fisioterapista o familiare, di restituire al paziente le sue capacità di percepire ed organizzare al meglio il movimento del piede e dell’arto inferiore, aiutandolo a percepire al meglio la posizione del suo arto e il contatto scaturito dall’appoggio con il suolo. Per poter pensare di camminare correttamente, sarà fondamentale percepire l’esatta posizione della nostra gamba e come il carico si sposti sotto le piante dei piedi. – Ha commentato Sarmati. – Il recupero del movimento degli arti inferiori è spesso percepito da chi è stato colpito da ictus come il primo passo verso la riconquista della propria autonomia, ed è per questo che ho deciso di rendere disponibile gratuitamente questo manuale. Il recupero da una patologia complessa come l’ictus non è solo lungo e doloroso, sappiamo tutti che si rivela spesso anche molto costoso. Poter ricorrere al fai-da-te consente un risparmio, anche se minimo, che in alcuni casi può avere un peso importante per l’intera famiglia”.


Proprio in quest’ottica di condivisione, Valerio Sarmati ha anche avviato un gruppo di aiuto ed autoaiuto su Facebook nel quale i pazienti ed i loro famigliari possono scambiare informazioni, supportarsi a vicenda e condividere i video dei loro esercizi e dei progressi fatti. Il gruppo riunisce oggi oltre 1.300 persone, accomunate dall’aver vissuto l’esperienza dell’ictus sulla propria pelle o su quella di un proprio caro.

Share