Bellezza

Acne addio: un virus debella i brufoli

Brufoli addio. Il sogno di molti adolescenti, l’incubo di altrettanti adulti che portano sul viso i segni indelebili dell’acne giovanile, potrebbe diventare realtà.

La recente scoperta di un virus capace di debellarla è merito di uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Pittsburgh in collaborazione con l’Università della California.

Secondo lo studio lo Propionibacterium acnes, batterio che prolifera nei pori della pelle e che spesso provoca l’acne, potrebbe essere sconfitto dal Propionibacterium acnes phages.


Si tratta di una famiglia di virus che prolifera sempre sulla pelle umana, ma che è innocuo per l’uomo. Non solo: sono virus in grado di infettare e debellare i batteri responsabili dell’acne.

Studiando il Dna di questi batteri è emerso che c’è un gene in grado di produrre un enzima chiamato endolysina. Questo enzima riuscirebbe a debellare i batteri. L’applicazione più concreta potrebbe essere proprio in nuovi farmaci e prodotti capaci di mettere ko l’acne.

Secondo acne.it “l’acne è una dermatosi infiammatoria del follicolo pilosebaceo e del tessuto perifollicolare, che si localizza soprattutto al volto e al torace è caratterizzata dalla presenza contemporanea o in fasi successive di comedoni, papule, pustole o cisti, con esiti talvolta cicatriziali, decorso cronico e riacutizzazioni”.
Acne addio: un virus debella i brufoli
Secondo acnestop.it “uno dei luoghi comuni più diffusi riguardo all’acne consiste nel considerare il “cibo spazzatura” uno degli indiziati speciali di questa malattia della pelle: cioccolata, snack, patatine e cibi da fast food, infatti, sarebbero controproducenti in chi soffre di brufoli e punti neri ed il loro uso e consumo non farebbe che aumentarne la presenza”.