Camomilla, allunga la vita è aiuta contro le infezioni

 

La camomilla allunga la vita, ma solo dei messicani
Il consumo di camomilla può essere collegato ad una maggiore durata e qualità della vita per gli anziani secondo ciò che una nuova ricerca suggerisce. Lo studio, finanziato dal National Institutes of Health, ha evidenziato che tra le donne messicano-americane che hanno consumato camomilla, il rischio di morte durante il periodo di studio è stato ridotto di circa il 28 per cento.

“Bere camomilla è benefico per la salute delle donne messicane-americane”, ha detto l’autore principale dello studio, Bret Howrey, assistente professore di medicina di famiglia presso l’Università del Texas Medical Branch a Galveston.

Tuttavia, lo studio non ha mostrato un’unica prova di un possibile legame tra camomilla e maggiore durata della vita. Essa non ha dimostrato un rapporto di causa-effetto.

E più di un nutrizionista ha messo in dubbio la validità dei risultati dello studio.

La camomilla è uno dei pilastri della medicina alternativa, e gli esperti spesso la consigliano per trattare condizioni come problemi di stomaco e crampi, secondo lo studio. Ma “sono stati condotti pochi studi umani ben progettati e controllati sugli effetti delle tisane o dei preparati a base di erbe”, ha detto Diane McKay, un assistente professore con la Scuola di Nutrizione Friedman Scienza e Politica presso la Tufts University, che ha familiarità con i risultati dello studio.

I ricercatori hanno esaminato i risultati di quasi 1.700 persone messicano-americane del sud-ovest degli Stati Uniti. Erano tutti 65enni, e sono stati monitorati dal 2000 al 2007. Circa il 14 per cento dei partecipanti ha dichiarato di utilizzare camomilla abitualmente, secondo lo studio.

Utilizzare camomilla non sembrano influire sulla durata della vita negli uomini, lo studio ha trovato.

Quando i ricercatori hanno regolato le statistiche per tenere conto di fattori quali l’età, il fumo e condizioni di salute croniche, hanno scoperto che le probabilità di morire durante il periodo di studio sono state ridotte di poco più di un quarto nelle donne che hanno usato camomilla.

Perché la camomilla potrebbe influenzare la durata della vita e la salute in generale? Non è chiaro. “La nostra comprensione della camomilla è ancora molto incompleta”, ​​ha detto Howrey.

Ha aggiunto che lo studio stesso ha dei limiti: si basa interamente sulla ricerca in una comunità messicano-americana. Solo il 26 per cento di quelli che avevano partecipato allo studio aveva un peso normale. Inoltre, non ci sono informazioni sulla dieta complessiva dei partecipanti. Coloro che hanno consumato camomilla potrebbero avere un’alimentazione più sana nel complesso, anche se i ricercatori hanno cercato di prendere in considerazione fattori come il fitness e il peso.

Lo studio non dice neanche nulla sulle persone che non sono messicano-americana, secondo Howrey. E ha osservato che lo studio non elimina la possibilità che gli uomini possano beneficiare della camomilla. Lo studio non può essere preso in considerazione per loro a causa di tassi più bassi di consumo di camomilla (solo l’8 per cento degli uomini ha riferito di utilizzarla) o peggio per la salute generale, ha detto.

McKay ha definito lo studio “profondamente sbagliato.” Ha detto che i risultati non supportano l’idea che la camomilla influisca sulla durata della vita.

Tra gli altri punti deboli, ha detto, lo studio non spiega come i partecipanti hanno consumato camomilla: “Non possiamo dire con certezza se queste persone in realtà bevevano la stessa camomilla che troviamo sui nostri scaffali dei negozi, o anche quanta ne hanno bevuto e quanto spesso. Non sono state raccolte informazioni sulla forma effettiva di camomilla utilizzata, cioè, se era tè, in pillola o altro tipo di preparazione, o se sia stata effettivamente consumata piuttosto che usato come lozione o come olio da inalazione, ad esempio.”

Howrey ha riconosciuto che lo studio non dice nulla su quanta camomilla bisogna prendere. Eppure, egli raccomanda di consumare camomilla, soprattutto dal momento che è “generalmente non tossica, relativamente poco costosa, e ampiamente disponibile.”

Ha citato un avvertimento: alcune persone possono essere allergiche alla camomilla, soprattutto se sono allergiche a piante correlate come l’ambrosia.

Howrey ha detto che i ricercatori stanno continuando a seguire più anziani messicano-americani. Tuttavia, “considerato che gli effetti della camomilla sono molto poco evidenti e i benefici lenti a manifestarsi”, sarebbe stato necessario un più ampio studio, ha detto.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista The Gerontologist.

Share