Capelli grigi: fonte di fascino o imbarazzo?

Capelli grigi: fonte di fascino o imbarazzo?

Molti uomini e donne, superati i 50 anni, tendono inevitabilmente a perdere il loro naturale colore dei capelli per via dell’avanzare dell’età. Tuttavia la comparsa dei capelli grigi viene associata erroneamente solo a uno dei tanti sintomi dell’invecchiamento. In realtà sono moltissime le persone che sin dai 25-30 anni incominciano a mostrare i primi timidi capelli grigi sulla loro chioma per svariati motivi. Il fumo, l’inquinamento atmosferico, le radiazioni solari e lo stress sono le principali cause della comparsa dei capelli grigi.

Nonostante queste premesse negli ultimi anni si sta diffondendo una moda proveniente dall’Inghilterra, soprattutto tra le ragazze che cercano di emulare da sempre le star dello spettacolo, di tingersi i capelli di grigio per un effetto granny-look. I capelli grigi, per quanto possano essere fastidiosi con l’avanzare dell’età, tendono a schiarire e a risaltare i tratti somatici del viso delle ragazze più giovani. Dal grigio platino alle punte sembra che questa moda stia prendendo sempre più il largo.

Tuttavia, per i meno giovani, i capelli grigi rappresentano soltanto un fastidioso problema soprattutto per gli uomini. I follicoli piliferi contengono la melanina, una sostanza presente anche nei tessuti epidermici e responsabile del colore scuro della pelle o del colore dei capelli. Con il passare degli anni questa sostanza tende a diminuire e a diradarsi gradualmente all’interno del pelo fino a scomparire del tutto. Un’altra causa legata alla comparsa dei capelli grigi, soprattutto in tenera età, può essere legata a fattori genetici. Se i propri genitori o parenti hanno avuto in passato uno sviluppo precoce dei capelli grigi è molto probabile che anche i discendenti ne soffrano. Per poter parlare di ingrigimento dei capelli prematuro è necessario che più della metà dei capelli siano di colore grigio prima dei 40 anni. Altrimenti lo schiarimento dei capelli rientra nel normale e fisiologico ciclo di vita.

Secondo uno studio è stato rilevato che circa i tre quarti della popolazione Italiana che soffre di capelli grigi sotto i 40 anni sarebbe disposta a spendere anche delle consistenti somme di denaro per contrastare e bloccare la perdita di colore dei capelli. Nessuno ci tiene a mostrare più anni di quanti ne abbia realmente ed è risaputo che l’aspetto fisico è particolarmente sentito nel nostro paese.

Oltre ai numerosi prodotti per la cura dei capelli grigi esistono anche dei piccoli accorgimenti quotidiani che possono dare una grossa mano nel rallentare la scomparsa del colore nei propri capelli. Primo tra tutti si consiglia di assumere delle grosse quantità di vitamina B12 e di evitare il fumo. Inoltre è fondamentale avere cura del proprio cuoio capelluto e evitare di sottoporre la propria chioma a stress eccessivi tipo varie tinture artificiali.

Dalla moda all’invecchiamento. Il significato e il senso attribuito ai capelli grigi dipende dall’età e dalle esigenze di ciascuno di noi. Se per una ragazza giovane può essere un miglioramento estetico in grado di risaltare i tratti del viso, per una persona anziana o più in la con l’età può essere solo un brutto campanello d’allarme a indicare che non si è più dei giovanotti. Fortunatamente esistono prodotti naturali in grado di rallentare l’invecchiamento dei bulbi piliferi.

Ti è piaciuto l'articolo?
Valutazione
[Total: 1 Average: 5]
Share
loading...