Benefici del tonno in scatola: ricette con quinoa e avocado del prof Migliaccio

benefici del tonno in scatola

Il tonno in scatola è un vero e proprio must dell’alimentazione degli italiani: secondo i dati dell’ANCIT (Associazione Nazionale Conservieri Ittici) è presente nel 96% delle nostre case e il consumo pro capite è di 2,3 kg. Per ribadire le tante proprietà salutistiche di questo alimento, il Prof. Migliaccio, Presidente della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione,  ha realizzato 5 abbinamenti tra il tonno e alcuni cibi denominati “superfoods” (pomodori, carciofi, broccoli, quinoa, avocado): scopriamo cosa hanno di speciale questi abbinamenti e quale è il loro ruolo per il benessere del nostro organismo.

Da questi abbinamenti sono nate delle vere e proprie ricette della salute: per mangiare bene e con gusto all’insegna di un’alimentazione più che sana.

Tonno e Broccoli: un eccellente binomio antitumorale

Esiste uno stretto legame tra alimentazione e rischio tumorale. Così come una cattiva alimentazione può favorire l’insorgenza di neoplasie, un regime alimentare sano ed equilibrato e il consumo di cibi con proprietà antitumorali può allontanarci da questo rischio. A tal proposito, come afferma il Prof. Migliaccio, Presidente SISA (Società italiana di Scienza dell’Alimentazione), un eccellente mix antitumorale è rappresentato dal “tonno in scatola con i broccoli”.

UNA RICETTA FONTE DI SELENIO E PROVITAMINA A

Il tonno in scatola, afferma il Prof. Pietro Antonio Migliaccio Presidente SISA (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione), garantisce all’organismo tutti gli amminoacidi essenziali per la sintesi di proteine, ormoni, neurotrasmettitori, anticorpi ed altre sostanze che hanno un ruolo strategico e fondamentale per garantire la salute di ogni organo. In questa condizione di benessere l’organismo è in grado di neutralizzare eventuali sostanze dannose e proteggersi da possibili agenti tumorali.

Il tonno è anche una fonte eccellente di selenio e vitamina A cioè antiossidanti in grado di combattere i radicali liberi che sono elementi dannosi in grado di “far impazzire” le cellule e indurre la comparsa di tumori. A sua volta i broccoli sono ricchi anch’essi di provitamina A e contengono sostanze con elevati effetti antitumorali: tra queste ricordiamo i glucosinolati, la zeaxantina e la luteina.

Il consumo di un piatto a base di “tonno e broccoli” permette anche di introdurre una buona quantità di vitamina C, importante in quanto aumenta le difese immunitarie dell’organismo. Inoltre favorisce anche la sintesi del collagene, la sostanza che tra l’altro mantiene integre le pareti dei vasi ed assicura alle cellule una protezione contro i radicali liberi.”

IDEALE PER LA REGOLARITA’ INTESTINALE E DALL’ELEVATO CONTENUTO IDRICO

Un piatto che contempli tonno e broccoli contiene una grande quantità di fibra, spiega il Prof. Migliaccio, che è un componente della dieta che non viene assorbito a livello intestinale ma svolge molteplici funzioni: favorisce la regolarità intestinale e pertanto è utilissima nella stipsi ed è importante per la prevenzione dei tumori del colon e del retto mediante la più rapida eliminazione di eventuali sostanze cancerogene presenti nel canale intestinale.

Un elemento fondamentale per liberare l’organismo dalle scorie metaboliche è l’acqua. Tonno e broccoli sono un piatto con un elevato contenuto idrico: 100 grammi di tonno apportano il 62,3% di acqua ed i broccoli il 92%. Dunque questi alimenti aiutano gli organi a liberarsi da potenziali sostanze dannose e/o cancerogene, soprattutto aumentando la diuresi e regolarizzando le funzioni intestinali. Da non trascurare, infine, anche l’ottimo rapporto qualità/prezzo dei due alimenti. Il tonno in scatola fornisce proteine di alto valore biologico ed antiossidanti ad un prezzo veramente conveniente così come il broccolo apporta sostanze antitumorali ad un costo altamente competitivo con gli altri ortaggi.

PER CHI E’ ADATTO…

E’ un piatto consigliato a tutta la popolazione adulta, sia uomini che donne, in particolare a chi ha familiarità per malattie tumorali.

LA RICETTA …

Orecchiette tonno e broccoli saltati al peperoncino”

Ingredienti per una persona

– Tonno in olio d’oliva sgocciolato, una confezione da g 80;

– orecchiette fresche g 100;

– broccoli g 300;

– 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva;

– peperoncino;

– uno spicchio di aglio;

– un pizzico di sale.

Preparazione:

Pulite il broccolo, dividete le cimette ed affettate il gambo. Lessate in acqua salata fino a quando si pungeranno facilmente con una forchetta quindi scolate e conservate l’acqua di cottura. In una larga padella antiaderente mettete l’olio, l’aglio ed il peperoncino. Aggiungete il tonno sgocciolato, i broccoli e lasciate insaporire per qualche minuto. Nel frattempo fate cuocere le orecchiette nell’acqua di cottura dei broccoli, scolatele al dente e versatele direttamente nella pentola dove c’è il condimento. Fate insaporire a fiamma vivace per qualche istante e servite la pietanza.

Valori Nutrizionale per una porzione

MACRONUTRIENTI

Proteine 29,7 g Lipidi 17,7 g

Carboidrati 46,0 g Fibra 11,4 g

kcal 449

MICRONUTRIENTI

Potassio 1427,3 mg Ferro 5,4 mg

Vit A ret. Eq. 16,9 g Vitamina C 162,6 mg

Tonno e Carciofi: calcio e potassio contro l’osteoporosi e un ottimo rimedio contro la pressione arteriosa

Il tonno in scatola è un alimento dal gusto delicato che si abbina alla perfezione con il sapore deciso del carciofo per dare vita ad un piatto gustoso e nutriente indicato per un’alimentazione sana ed equilibrata. E’ un piatto fresco che si prepara facilmente e velocemente e si può consumare durante tutti i mesi dell’anno. Un piatto ideale per una cena sfiziosa ed anche facile da preparare, soprattutto per chi ha poco tempo a disposizione dopo una lunga giornata lavorativa. Gustoso, ma come ci racconta il Prof. Migliaccio, molto salutare.

PERFETTO MIX DI VITAMINE, SALI MINERALI E PROTEINE

Il tonno in scatola, afferma il Prof. Pietro Antonio Migliaccio Presidente SISA (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione), fornisce proteine nobili, circa 25 grammi per 100 grammi, e pertanto assicura all’organismo tutti gli amminoacidi indispensabili per il ricambio dei tessuti e per la sintesi di sostanze proteiche come ormoni, enzimi e neurotrasmettitori. La sua quota proteica viene arricchita da quella del carciofo che fornisce quasi 3 grammi di proteine per 100 grammi di alimento. A questo apporto eccellente di proteine si deve aggiungere il buon contenuto di acidi grassi polinsaturi della serie omega 3, forniti dal tonno, che hanno effetti benefici sull’apparato cardiovascolare. Da questo abbinamento si ottiene anche un’ottima miscela di vitamine e sali minerali ed in particolare calcio e potassio. Il tonno apporta 7 mg di calcio per 100 grammi di alimento ed il carciofo ne apporta altri 86. Il calcio è un minerale indispensabile durante tutta la vita. In particolare nella prima infanzia e nell’adolescenza il consumo di alimenti ricchi in calcio permette il corretto sviluppo del tessuto scheletrico ed il suo accrescimento ed è importante per il raggiungimento di un buon picco di massa ossea entro la terza decade per evitare in età avanzata, soprattutto nelle donne, l’instaurarsi dell’osteoporosi.

UNA COPPIA VINCENTE PER LA PREVENZIONE DELL’IPERTENSIONE ARTERIOSA

Un altro aspetto nutrizionale importante di questa coppia di alimenti è il loro apporto di potassio: il tonno ne apporta 301 mg per 100 grammi di alimento ed il carciofo 376. Questo nutriente ha un ruolo fondamentale in molti processi fisiologici, particolarmente per quanto interessa il sistema neuroendocrino, e svolge una funzione regolatoria sulla pressione arteriosa. Dunque tonno e carciofi sono una coppia vincente per la prevenzione e la terapia dietetica dell’ipertensione arteriosa e delle patologie cardiovascolari ad essa correlate.

Un’altra “eccellenza nutrizionale” di tonno e carciofi è costituita dal suo ottimo apporto di fibra alimentare. La fibra introdotta con gli alimenti non viene digerita nella prima porzione dell’intestino ed arriva nel colon dove viene attaccata dalla flora intestinale, detta microbiota, creando prodotti, come ad esempio alcuni acidi grassi a catena corta, che hanno un ruolo importante per la regolazione del metabolismo glico-lipidico. In termini semplici queste sostanze aiutano a mantenere costanti i livelli di glicemia e contrastano l’aumento del Colesterolo nel sangue. Gli Omega 3 del tonno e la fibra dei carciofi rendono questa pietanza adatta anche per la prevenzione delle dislipidemie. La fibra alimentare ha un’altra importante funzione: aumenta il volume del contenuto intestinale e pertanto stimola la peristalsi e facilita l’evacuazione.”

PER CHI E’ INDICATO…

Questa ricetta è indicata per adolescenti, adulti e nella terza e quarta età per la salute dello scheletro e dei denti ed in particolare per la prevenzione dell’osteoporosi. Inoltre questo piatto è un alleato prezioso per combattere l’irregolarità intestinale, un problema molto frequente in tutta la popolazione italiana di tutte le età.

LA RICETTA

Carciofi ripieni al tonno”

Ingredienti per una persona

– Tonno in olio d’oliva, confezione da g 80;

– un carciofo (g 150);

– 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva;

– g 10 di capperi sott’aceto;

– g 10 di mollica di pane;

– un pizzico di sale;

– un ciuffo di prezzemolo;

– uno spicchio di aglio;

– ½ limone.

Preparazione:

Pulite il carciofo, eliminate la parte esterna quindi togliete le foglie più scure e più dure. Tagliate il gambo e lasciatelo da parte. Prendete il carciofo, apritelo al centro ed eliminate la peluria interna poi immergetelo insieme al gambo in acqua acidulata con il limone. Prendete il tonno, sgocciolatelo e schiacciatelo con una forchetta insieme all’aglio ed al prezzemolo. Tritate i capperi ed uniteli al tonno. Amalgamate il tutto aggiungendo anche la mollica del pane. Prendete il carciofo e riempitelo con il ripieno preparato. Prendete una casseruola antiaderente versatevi l’olio, un po’ d’acqua e del brodo vegetale che avrete preparato precedentemente. Adagiatevi il carciofo e lasciate cuocere per circa 30 minuti. Aggiungete ulteriore brodo se necessario.

Valori Nutrizionale per una porzione

MACRONUTRIENTI

Proteine 18,0 g Lipidi 15,7 g

Carboidrati 10,2 g Fibra 8,7 g

kcal 252

MICRONUTRIENTI

Potassio 720,5 mg Calcio 134 mg

Vit A ret. Eq. 37,9 g Vitamina C 18 mg

Tonno e Pomodori: un’accoppiata perfetta per il benessere del nostro cuore

Tonno e pomodori sono un’accoppiata vincente sia per i loro sapori che si sposano alla perfezione sia perché forniscono una miscela di nutrienti ottimale per chi vuole mantenersi in forma ed in salute. Nei mesi primaverili ed estivi è indicato per recuperare energia nelle giornate più calde ed afose. In autunno ed inverno è l’ideale per chi ha poco tempo a disposizione per cucinare e non vuole rinunciare ai gusti semplici e tipici della tradizione mediterranea. Infine è consigliato soprattutto per uomini e donne di età compresa tra i 35 e i 40 anni che lavorano tutto il giorno e rientrano tardi la sera e pertanto non hanno tempo di applicarsi ai fornelli.

UN CONCENTRATO DI NUTRIENTI ECCELLENTE IN POCHE CALORIE

Il tonno in olio d’oliva, afferma il Prof. Pietro Antonio Migliaccio Presidente SISA (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione), fornisce tra le 190 e le 290 calorie per 100 grammi: il suo valore energetico dipende dal quantitativo di olio rimasto dopo lo sgocciolamento. Quello in salamoia apporta appena 100 calorie per 100 grammi. Anche il contenuto calorico del pomodoro è davvero modesto: 19 kcal per 100 grammi di alimento! Dunque la forza di questa coppia di cibi è quella di fornire, nel contesto di un apporto energetico moderato, un concentrato di nutrienti eccellente che può aiutare a mantenere in salute il nostro organismo ed in particolare l’apparato cardiovascolare. Si tratta di proteine di elevato valore biologico, grassi “buoni”, vitamine, sali minerali ed antiossidanti come il licopene che si possono introdurre solo con l’assunzione contemporanea di questi due alimenti.”

UN’ACCOPPIATA VINCENTE CONTRO LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Il tonno inoltre è un’ottima fonte di acidi grassi polinsaturi della serie omega 3 che hanno effetti benefici sull’organismo: determinano infatti una riduzione del Colesterolo totale ed aumentano il Colesterolo buono (HDL-Colesterolo); regolano il processo di aggregazione piastrinica riducendo il rischio di trombi e di formazione di placche ateromasiche nelle arterie. Il pomodoro è invece molto ricco di licopene un antiossidante eccezionale che combatte la formazione dei radicali liberi e quindi protegge tutti i tessuti dall’invecchiamento e dalla loro degenerazione. Anche il licopene, dunque, aiuta le nostre arterie a mantenersi giovani ed elastiche ed insieme agli omega 3 del tonno formano un’accoppiata vincente contro le dislipidemie e le malattie cardiovascolari. Ricordate, però, che il licopene si forma solo a maturazione completa del pomodoro, cioè quando il pomo è rosso, ed essendo liposolubile, viene meglio assorbito se assunto in presenza di grassi, come quelli del tonno. Tonno e pomodori, inoltre, forniscono insieme una notevole quantità di potassio: 301 mg ogni 100 g provenienti dal tonno e 297 provenienti dal pomodoro. Il potassio è un elemento fondamentale per la regolare attività cardiaca ma anche per il corretto funzionamento di tutti i muscoli e per la trasmissione degli impulsi nervosi.

UN BINOMIO GASTRONOMICO RICCO DI PROVITAMINA A E FERRO

Un altro aspetto nutrizionale importante di questa coppia di alimenti, conclude il Prof. Migliaccio, è il loro apporto di provitamina A. Questa, una volta trasformata in vitamina A nell’organismo, ha innumerevoli funzioni biologiche tra cui quelle di proteggere e favorire la crescita e l’attività vitale di tutti i tessuti ed in particolare della pelle, delle mucose e dell’occhio. Inoltre la vitamina A è un componente della porpora visiva che ci permette una visione ottimale in ogni condizione di luce ed ombra. Il fabbisogno medio per gli adulti è di 500 g al giorno per gli uomini e 400 g al giorno per la donna. Ebbene se pensiamo che 100 grammi di pomodoro ne forniscono 610 g e 100 grammi di tonno altri 14 g ci rendiamo conto che questo piatto è sufficiente a soddisfare l’intero fabbisogno di vitamina A!” Un’altra eccellente caratteristica nutrizionale dell’abbinamento tonno e pomodoro è l’apporto di ferro. Questo nutriente è indispensabile per la sintesi dell’emoglobina cioè la molecola necessaria a portare l’ossigeno a tutte le cellule dell’organismo. Il tonno ne è una fonte eccellente: fornisce ben 1,7 mg di ferro per 100 grammi di alimento. Tuttavia, il ferro proveniente dagli alimenti viene assorbito e ben utilizzato in presenza di vitamina C che è un nutriente in grado di aumentare la sua biodisponibilità. Il tonno non contiene vitamina C che è presente invece nel pomodoro (25 mg per 100 g): ed ecco dunque una coppia vincente contro l’anemia. Tra l’altro la vitamina C è un potente antiossidante e protegge gli endoteli cioè le pareti interne dei vasi. Questa proprietà si va ad aggiungere all’azione degli acidi grassi omega 3 e degli altri antiossidanti per salvaguardare l’apparato cardiovascolare.”

PER CHI E’ PIU ADATTO…

Tonno e pomodori è una pietanza che può essere consumata da tutti senza alcuna controindicazione. E’ un piatto che fornisce un modesto apporto energetico e pertanto è ideale per chi desidera mantenere il proprio peso corporeo ed anche per chi segue un regime alimentare ipocalorico dimagrante. Eliminata ultima frase

LA RICETTA…

MEDITERRANEA DI ORZO, TONNO E POMODORI”

Ingredienti

– 50 g di orzo perlato

– Tonno sott’olio sgocciolato una confezione da g 80

– 100 g di fagiolini

– 150 g di pomodori freschi maturi

– un cucchiaio di formaggio grattugiato

– un cucchiaio di olio extravergine di oliva

– 4 foglie di basilico

– sale

Procedimento:

Pulite e lessate i fagiolini in acqua salata per 10 minuti circa. Scolateli, lasciateli raffreddare e tagliateli a tocchetti. Passate l’orzo sotto l’acqua corrente e cuocetelo in abbondante acqua. Scolatelo e lasciatelo raffreddare sempre sotto l’acqua corrente. Una volta raffreddato mettetelo in una ciotola. Prendete i pomodori, lavateli, tagliateli a dadini e salateli.

Mettete i pomodori in una padella antiaderente, lasciateli cuocere per pochi minuti, aggiungete l’olio e lasciate insaporite per 2-3 minuti. Aggiungete quindi i pomodori all’orzo, poi i fagiolini ed il tonno che avrete sgocciolato. Aggiungete le foglie di basilico e mescolate. Spolverizzate con il formaggio grattugiato e servite.

E’ un piatto che si può anche conservare e consumare freddo.

Tonno e Quinoa: un mix eccezionale di proteine per accrescere la massa muscolare

Tonno e quinoa costituisce un abbinamento ideale per l’alimentazione di tutti ed in particolare per chi pratica sport sia a livello amatoriale che a livello agonistico. Questi alimenti, infatti, forniscono la quota ottimale di energia e nutrienti indispensabili per mantenere il tono e l’efficienza delle masse muscolari e per ottenere prestazioni sportive ottimali. E’ inoltre un piatto privo di glutine e quindi consiglio questa pietanza ad individui -sportivi e non- che hanno l’intolleranza al glutine e quindi la celiachia.

UNA MISCELA PROTEICA STRAORDINARIA…

Tonno in scatola e quinoa, afferma il Prof. Migliaccio Presidente della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione (SISA), insieme forniscono una miscela proteica straordinaria: il tonno contiene 25 grammi di proteine per 100 g di alimento e la quinoa ne apporta altri 14 grammi. Dunque il loro apporto proteico garantisce il tono e l’efficienza dell’apparato locomotore ed è fondamentale anche per la sintesi di ormoni e neurotrasmettitori indispensabili per ottimizzare tutto il lavoro muscolare. Le proteine del tonno e della quinoa sono particolarmente ricche di lisina che è un amminoacido che favorisce l’incremento della sintesi proteica ed ha un ruolo importante per la produzione di carnitina e quindi di energia durante l’attività sportiva. Tonno e quinoa contengono inoltre una quantità modesta di grassi e sono pertanto facilmente digeribili e utilizzabili. Infatti per ottenere il migliore rendimento sportivo è fondamentale la buona digeribilità degli alimenti in modo da richiedere un ridotto afflusso di sangue all’apparato digerente e favorire così la disponibilità di ossigeno a livello muscolare. L’apporto di carboidrati è fornito dalla quinoa che è una pianta erbacea dai cui semi, sottoposti a macinazione, si ottiene una farina priva di glutine contenente prevalentemente amido. L’amido è il carburante ideale per i muscoli e per la funzionalità dei vari organi, specialmente del cervello; è facilmente disponibile ed ha una elevata resa metabolica; fornisce energia “pulita” e non affatica né i muscoli né l’organismo.

NOTEVOLE FONTE DI LISINA E IODIO, OLTRE CHE DI SALI MINERALI E VITAMINE

L’apporto di lisina e di iodio del tonno e della quinoa, prosegue il Prof. Migliaccio è ottimale per la dieta dello sportivo. Questi nutrienti, infatti, consentono di mantenere un eccellente equilibrio psicofisico e garantire le migliori prestazioni atletiche. Tonno e quinoa sono anche una fonte formidabile di: potassio, calcio, ferro e vitamine del gruppo B. Il potassio ed il calcio sono fondamentali per numerose funzioni biologiche tra le quali la contrazione muscolare e la trasmissione degli impulsi nervosi. Il ferro è indispensabile per il trasporto di ossigeno a tutti i tessuti, specialmente ai muscoli ed al cervello. Le vitamine del gruppo B garantiscono l’integrità di tutte le funzioni del sistema nervoso. Dunque questi micronutrienti sono indispensabili per mantenere o raggiungere la migliore forma fisica ma anche per avere sempre la lucidità e la concentrazione necessaria durante l’esercizio sportivo ed in tutte le attività quotidiane della vita. Inoltre la quinoa completa il piatto con il suo contenuto di Vitamina C ed E, potenti antiossidanti importanti per neutralizzare i radicali liberi che si formano quotidianamente, specie durante l’attività sportiva.”

LA RICETTA…

Pasticcio di tonno e quinoa”

Ingredienti per una persona

– tonno all’olio d’oliva sgocciolato una confezione da g 80;

– quinoa g 60;

– cipolla;

– piselli surgelati g 100;

– una zucchina;

– una carota;

– due cucchiai di olio extravergine di oliva;

– 3-4 foglie di menta.

Preparazione:

Portate a bollore l’acqua e fate cuocere la quinoa per 15 minuti circa dopo averla ben lavata. Una volta cotta scolatela e passatela velocemente sotto l’acqua corrente e lasciatela da parte. Nel frattempo  mondate e tagliate le verdure a cubetti sottili. Mettete in una padella antiaderente l’olio e fate rosolare la cipolla per qualche minuto. Aggiungete i piselli ed aggiungete un po’ di acqua se necessario. Dopo 5 minuti aggiungete le altre verdure, salate e continuate la cottura. Quando saranno quasi cotte aggiungete anche il tonno e saltatelo con le verdure. Poi prendete anche la quinoa ed aggiungetela direttamente in padella. Mescolate gli ingredienti e fate amalgamare per pochi secondi. Spegnete il fuoco decorate con le foglie di menta e servite

Valori Nutrizionale per una porzione

MACRONUTRIENTI

Proteine 29,7 g Lipidi 29,4 g

Carboidrati 62,0 g Fibra 15,1 g

627 kcal

MICRONUTRIENTI

Potassio 1170,3 mg Calcio 124,3 mg

Vit A ret. Eq. 1237,4 g Vitamina C 46,5 mg

Tonno e Avocado: anti age per eccellenza è l’ideale per la donna che vuole mantenersi in forma

Alimentarsi significa fornire al nostro organismo l’energia e i nutrienti necessari per la vita, per stare in salute e per invecchiare bene. Tonno e avocado sono due alimenti che uniti tra loro forniscono una miscela ottimale di nutrienti per aiutare l’organismo a rallentare i fisiologici processi di invecchiamento. Con il passare del tempo, infatti, si verifica una riduzione delle masse muscolari. Pertanto è opportuno che la dieta fornisca una adeguata quantità di proteine di alto valore biologico in modo tale da contrastarne la riduzione.

Tonno e avocado offrono una quota proteica rilevante

Il tonno, dichiara il Prof. Pietro Antonio Migliaccio, Presidente della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione, fornisce 25 grammi di proteine per 100 grammi di alimento e l’avocado 4,4. Ricordo che il fabbisogno proteico per una persona adulta è di circa 1 grammo di proteine per kilogrammo di peso corporeo ideale. Quando si raggiunge la terza e quarta età, questa quota deve essere leggermente aumentata ad 1,1 g/kg di peso corporeo ideale, proprio per contrastare la perdita delle masse muscolari. Il tonno in scatola inoltre fornisce in prevalenza acidi grassi mono e polinsaturi così come l’avocado, mentre il loro apporto di acidi grassi saturi è davvero modesto; questi, infatti, se assunti in eccesso possono danneggiare le arterie e renderle meno elastiche.”

un mix di antiossidanti davvero eccezionale

Un altro elemento fondamentale per mantenersi giovani, prosegue il Prof. Migliaccio, è quello di introdurre una buona quantità di antiossidanti per contrastare tutti gli stress ossidativi a cui quotidianamente è sottoposto l’organismo. Queste reazioni avvengono in ogni cellula e determinano la formazione di sostanze chiamate radicali liberi che sono in grado di alterare la struttura della membrana ed anche del materiale genetico (il DNA) aprendo la strada ai processi di invecchiamento precoce. Tonno e avocado forniscono un mix antiossidante eccezionale! Il tonno è una fonte straordinaria di selenio e betacarotene e l’avocado arricchisce il potere antiossidante di questa pietanza con il suo apporto elevato di vitamina C e vitamina E.

Ricordo, infine, che per invecchiare bene e mantenersi in salute è importante associare ad una alimentazione equilibrata anche una adeguata attività fisica ed eliminare i principali stress ossidativi come il fumo e l’alcol.”

PER CHI E’ ADATTA….

Anti age per eccellenza, è indicata per le donne in particolare e per chi vuole mantenersi sempre in forma …

LA RICETTA…

Insalata di tonno e avocado”

Ingredienti per una persona

– Tonno in scatola sgocciolato una confezione da g 80;

– g 50 di avocado;

– g 100 di finocchi;

– mezza mela

– lattughino g 80;

– un cucchiaio di olio extravergine di oliva;

– limone;

– sale.

Preparazione:

Pulite il finocchio ed affettatelo sottilmente. Lavate l’insalata. Sbucciate la mela e l’avocado e tagliateli a cubetti. Mettete in un piatto il lattughino, la frutta e i finocchi e condite con l’olio, il limone ed un pizzico di sale. Adagiate il tonno e servite.

Valori Nutrizionale per una porzione

MACRONUTRIENTI

Proteine 17,6 g Lipidi 26,9 g

Carboidrati 17,3 g Fibra 7,1 g

kcal 377

MICRONUTRIENTI

Potassio 900,5 mg Ferro 2,5 mg

Vit A ret. Eq. 183 g Vitamina C 74,2 mg

Vitamina E 5,4 mg